Home / Attualità / SPINA DORSALE BIONICA – PRIMO ESPERIMENTO IN AUSTRALIA

SPINA DORSALE BIONICA – PRIMO ESPERIMENTO IN AUSTRALIA

Link Sponsorizzati


I pazienti che a causa di un incidente o una ferita grave sono rimasti paralizzati, in futuro potranno ritornare a confidare sui loro piedi, grazie alla soprendente invenzione della spina dorsale bionica che funzionerebbe facendo riacquistare i movimenti tramite il pensiero, tramite i meccanismi dell’attività cerebrale.

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati



Per ora questo meccanismo potrebbe funzionare solo in combinazione con un esoscheletro ma in futuro potrebbe essere usato direttamente sul corpo del paziente.

La ricerca è stata condotta in Australia, a Melbourne, presso il Royal Melbourne Hospital e capeggiata dal Professor Terence O’Brien il quale sta supervisionando il rivoluzionario progetto che coinvolge un team di 39 neurologi ed ingegneri biomedici, provenienti dall’ospedale stesso, dalla Melbourne University  e dalla Florey Institute of Neuroscience and Mental Health.

Nel complesso la spina dorsale bionica è composta da un microchip della grandezza totale di una piccola graffetta. Con l’aiuto di un catetere ed un delicato processo, una parte del microchip, il cui termine medico è stent, (rappresentato nell’immagine sottostante) verrebbe spinto nella vena giugulare per essere spinto fino alla parte superiore del cervello che controlla il movimento del corpo.

SPINA DORSALE BIONICA - PRIMO ESPERIMENTO IN AUSTRALIA

Usare la vena per trasportare lo stent è un metodo pensato per evitare operazioni al cervello troppo invasive. Con questa tecnica, infatti, la procedura richiederebbe soltanto un giorno e mezzo, che includerebbe operazione, degenza e ripresa del paziente. Allo stesso tempo la vena proteggerebbe lo stent, dandogli la possibilità di essere accettato dal sistema immunitario, evitando che venga riconosciuto come oggetto estraneo e quindi espulso.

Il prezioso stent contiene 12 elettrodi i quali, come un registratore, raccolgono tutte le informazioni sull’attività celebrale dei neuroni del paziente e le trasformano in comandi. I comandi vengono poi trasportati tramite 12 micro fili ad un trasmettitore impiantato precedentemente sotto la pelle del torace. Il trasmettirore invierebbe così i comandi, via wireless, all’esoscheletro.

SPINA DORSALE BIONICA - PRIMO ESPERIMENTO IN AUSTRALIA

“La nostra idea è quella di restituire la mobilità funzionale a pazienti con paralisi completa” – affermano i ricercatori, e concludono: “ci sono numerosi vasi sanguigni nel cervello e molti altri che potrebbero essere utilizzati per questo scopo. Questo significa che il potenziale di sperimentazione è alto. La nostra grande ambizione è riuscire, un giorno, a riattivare la parte del cervello di pazienti affetti da paralisi e ridonargli il miracolo del movimento”.

Guarda il video:

di Manuela Camporaso

__________________________________________________________________

Se questo articolo ti è piaciuto vieni a trovarci sulla nostra

Pagina Facebook: www.facebook.com/DVclub

dvclub-2001

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Manuela Camporaso