Phoenix Robotics – Esoscheletro restituisce movimento a bambini e adulti paralitici

Steven Sanchez è rimasto paralizzato dai fianchi in giù dopo un’incidente in modo avvenuto 10 anni fa, ma ora riuscirà a camminare dinuovo grazie all’aiuto di un esoscheletro robotico chiamato Phoenix. Sviluppato alla compagnia Californiana SuitX, ora può essere utilizzato da adulti e bambini, anche se originariamente era stato disegnato per restituire la mobiltà ai bambini con disordini neurologici che non riuscivano a camminare senza assistenza. La tuta, realizzata su misura, è ora in vendita al prezzo di circa € 36,000.

Link Sponsorizzati



Phoenix Robotics – Esoscheletro restituisce movimento a bambini e adulti paralitici

Il prezzo dell’ esoscheletro robotico Phoenix è una cifra grande per molte persone che investirebbero la somma in un auto, ma non è una cifra grande nel mondo della medicina. Il Phoenix non è nemmeno tra le protesi più leggere in circolazione, considerando il peso di circa 12 kg, ma ha di sicuro delle caratteristiche uniche comparando con altri esoscheletri presenti sul mercato. Prima di tutto, è una struttura modulare, il che significa che può essere adattato a persone con una paralisi parziale presente solo su un lato del corpo, inoltre l’ esoscheletro robotico può essere strutturato per essere indossato da persone di diversa misura, dai bambini al giocatore di pallacanestro più alto. E per finire c’è da dire che si tratta dell’unico esoscheletro disponibile al pubblico che può restituire la mobilità alle persone affette da paralisi.

Phoenix Robotics – Esoscheletro restituisce movimento a bambini e adulti paralitici

Il fondatore della SuitX inoltre afferma: “Purtroppo con l’esoscheletro che abbiamo costruito non possiamo curare la paralisi o la ferita ma possiamo evitare le ulteriori complicazioni provocate al paziente dallo stare seduto tutto il tempo su una sedia a rotelle. E in base a questa prospettiva il cliente acquisirebbe di sicuro un miglioramento dello stile di vita”.

L’ esoscheletro Phoenix, che è alimentato da una batteria che dura circa otto ore, è il risultato finale di una serie di studi, richerche e test durati anni, i quali si sono tenuti presso l’University of California-Berkeley’s Robotics and Human Engineering Laboratory.

Steven Sanchez ha aiutato i ricercatori con gli studi sin dai primi prototipi elaborati nel 2012. Da quei primi test Sanchez è riuscito a camminare dinuovo dopo il suo incidente che lo aveva reso paralitico. Il team di SuitX spera di riuscire ad avere lo stesso impatto positivo anche su molte altre persone.

Guarda il video:

di Manuela Camporaso

__________________________________________________________________

Se questo articolo ti è piaciuto vieni a trovarci sulla nostra

Pagina Facebook: www.facebook.com/DVclub

dvclub-2001

Condividi su:
You May Also Like
AirBar

AIRBAR – SENSORE TRASFORMA I COMPUTER IN TOUCHSCREEN

Molti computer portatili oggi si stanno trasformando in touch screen: una tecnologia…
Condividi su:
Short Evento- il futuro del webmarketing nell’era dei nativi digital

SHORT Event 4.0 – il futuro del web marketing nell’era dei nativi digitali”

SHORT Event 4.0 “ il futuro del webmarketing nell’era dei nativi digitali” si…
Condividi su:
Gli Itinerari del Benessere

Gli itinerari del benessere di Ornella D’Alessio

Gli itinerari del benessere di Ornella D’Alessio, per rilassarsi, per tonificarsi, per…
Condividi su:

Sanremo 2018: riassunto tra sorprese, delusioni e dubbi di plagio.

#sanremo2018…. e anche quest’anno è andato. Link Sponsorizzati Non sono un critico…
Condividi su: