Home / Arte / Cinema e Teatro / Attori / Orizzonti a Venezia72: lungo applauso per Italian Gangsters

Orizzonti a Venezia72: lungo applauso per Italian Gangsters

Link Sponsorizzati


imageVenezia, 3 settembre: nel pomeriggio è avvenuta la cerimonia di premiazione “Persol visionary talent ” a Jonathan Demme, in una sala Darsena gremita da pubblico e critici. Demme, regista di opere come “Philadelphia” e “Il silenzio degli innocenti”, già premio Oscar, ha rivelato ai presenti la sua gioia per essere alla 72. Mostra d’arte cinematografica di Venezia.

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati



Lele Marchitelli con Serena Dandini e uno degli autori di Italian gangsterA seguire, è stato proiettato per la sezione Orizzonti il film documentario “Italian gangsters“, in concorso alla mostra, per la regia di Renato De Maria, il quale ha dichiarato: ” Il film racconta, attraverso  le gesta di criminali, l’identita’ e l’emancipazione del nostro paese che cercava di arricchirsi e di uscire dallo stato di frustrazione provocato dalla guerra. Questi banditi erano parte integrante della societa’, erano popolari e venivano disegnati a fumetti. Per certi versi c’era una sorta di identificazione. Non a caso i loro colpi ispirarono i fumetti”.

L’opera è un piacevole mix tra monologhi alla vecchia maniera recitati da attori di teatro, e testimonianze e documenti dell’epoca, il tutto ben ritmato da una colonna sonora ben calibrata, ideata dal musicista Lele Marchitelli – che è anche il marito di Serena Dandini -.

Uno degli interpreti, Andrea Di Casa, che nel film è il bandito Host Fantazzini, emergente per il grande schermo ma proveniente da anni di teatro, ha spiegato per DVclub in un’intervista subito dopo la proiezione e i lunghi applausi: “Renato De Maria aveva già in mente dì realizzare il film con attori di formazione teatrale. Ci ha chiamato e ha voluto noi”. Di Casa è apparso visibilmente emozionato, e con lui anche il regista, compagno della nota attrice Isabella Ferrari. Gli altri protagonisti sono il giovane Francesco Sferrazza Papa, (Ezio Barbieri, l’unico bandito ancora vivente oggi 92enne), Luca Micheletti ( Luciano Lustring, il cosiddetto “Solista del mitra”), Sergio Romano (Paolo Casaroli chiamato il ‘Dillinger bolognese’),  Ottobrino ( Pietro Cavalero) e Paolo Mazzarelli ( Luciano De Maria ); ebbene sì, sono i nomi di altrettanti banditi che hanno attraversato i decenni della Milano antecedente il boom economico e della vecchia Torino in cui dominava la Fiat.

Renato De Maria, e a sinistra l'attore Andrea Di Casa, fotografati in sala Darsena dopo la proiezioneIl docu-film fa rivivere queste pagine di storia italiana  dal punto di vista dei “cattivi”: parliamo di anni in cui si andava dentro per 20 anni per una rapina. Eccellente l’accostamento di un “non – luogo” da cui i protagonisti si raccontano e si affacciano con intensi primi piani, e del movimento dato dagli intermezzi tratti dai notiziari reali di quegli anni provenienti dall’Istituto Luce e dalle Teche Rai. Non solo, ci sono anche immagini dei film di genere degli anni ’70, da quelli di Deodato a Bava. Ma nei monologhi che diventano via via racconti intimi e umani, è  come se i banditi fossero chiusi in una scatola buia, con una finestra sulla storia che è scorsa fino a oggi. Uno specchio della società il cui eco ci raggiunge ancora e fa emozionare. Italian gangster ci rimanda al nostro passato, anche se in maniera contemporanea, ci ricorda la povertà e la crescita di un Paese attraversato da lacerazioni sociali e politiche, in cui, come dice uno dei banditi ” la tragedia del pazzo è che ha ragione “.

Di Luisa Galati

Share the joy
  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

luindi

Giornalista pubblicista, laureata in filosofia. Sempre a caccia di novità nel campo dell'attualità, dell 'arte e soprattutto in ambito cinematografico..