helmut-newton roma7

Palazzo delle Esposizioni di Roma presenta un’originale raccolta di fotografie, sia a colori che in  bianco e nero, firmate da un maestro noto e ambiguo. Stiamo parlando di Helmut Newton, il provocatore dell’arte fotografica, il precursore di certe idee e immagini patinate, che ebbero eco soprattutto a partire dagli anni ‘80. HELMUT NEWTON in mostra a RomaLa sua voglia di stupire e di scavalcare i luoghi comuni per sconvolgere l’immaginario erotico dei benpensanti la fa da padrona nei servizi fotografici ora celebrati in coloratissime sale al primo piano del palazzo.

Link Sponsorizzati



L’occhio di Newton ha la capacità di scandagliare una realtà che, dietro alla suprema eleganza delle immagini, consente di intravedere un’ambiguità di fondo di cui erotismo e morte non sono che due aspetti della stessa verità. Di Helmut Newton dicono che fosse creativo e visionario, immaginava delle storie possibili o perverse, spesso irriverenti e/o con un tocco di humor.

Helmut Newton, pseudonimo di Helmut Neustader, nome ebreo, nato nel 1920 a Berlino, s’interessò di fotografia fin da piccolo. Abbandonò la Germania a causa delle leggi razziali, e lavorò in seguito come fotografo a Singapore per “Straits Times”, come fotografo freelance in Australia, infine iniziò il suo percorso come fotografo di moda professionista a Parigi dai primi anni ’60. Collaborò con Vogue, Harper’s Bazaar, Elle, Max, Vanity Fair, GQ. Dagli anni ’80 lavorò per i guru della moda: Versace, Yves Sant Laurent, Chanel, Dolce & Gabbana, Bluemarine.

HELMUT NEWTON in mostra a RomaTre le sezioni esposte:

1) White women, una carrellata di ritratti di personaggi noti come Charlotte Rampling, seduta, completamente nuda, sul tavolo di un elegante salotto. Le locations spaziano da interni ad esterni, ad esempio il parco prestato come set fotografico da un amico di Newton, una piscina in cui due donne si rilassano e nuotano al sole. Spesso i volti o i corpi rappresentano con le loro forme quell’androginia che accompagna buona parte dei lavori dell’artista di origini ebraiche.

2) Sleepless nights, ripercorre luoghi molto eleganti e viste panoramiche mozzafiato insieme alla presenza ossessiva del corpo femminile: Parigi e New York sono i punti cardinali di questo viaggio per i tetti della Grande Mela, terrazze francesi, salotti e alberghi delicatamente illuminati durante la notte, languidi ricordi nei chiaroscuri della pellicola.

 

3) La terza sezione ripropone stampe fotografiche di misure notevoli, Big Nudes, di cui uscì l’omonimo libro già conosciuto e diffuso negli anni ’80. Corpi scultorei e muscolosi vestono decollétes e poco altro contornati da scenografie piuttosto essenziali, a voler risaltare la componente fisica. Queste ultime sono esclusivamente in bianco e nero che le rende ancora più incisive. La fotografia e il corpo, i due binari su cui si muovono l’esposizione e il lavoro di Newton.

helmut-newton roma7Così rispondeva a chi lo intervistava sui suoi soggetti: “Se c’è qualcosa che odio, è sicuramente il buon gusto: per me è una parolaccia”, mostrando il suo carattere esuberante e anticonformista.

Palazzo delle Esposizioni, via nazionale 194, Roma- 6/3/2013-21/7/2013

Lunedì chiuso. Mar – Gio, Dom: 10.00 – 20.00

Ven – Sab: 10.00 – 22.30

Per ulteriori informazioni: www.palazzoesposizioni.it

Di Luisa Galati

Condividi su:
You May Also Like
DAVID ICKE A RIMINI PER IL WAKE UP TOUR MONDIALE

DAVID ICKE A RIMINI PER IL WAKE UP TOUR MONDIALE

Torna in Italia David Icke, l’autore più controverso al mondo, da un…
Condividi su:
Foto ricordo di momenti passati copia

Foto ricordo di momenti passati

Foto ricordo di momenti passati Link Sponsorizzati Collezionare i propri ricordi passati…
Condividi su:
IL PARTICOLARE CHE FA LA DIFFERENZA - STORIE DI ARTISTI ITALIANI

IL PARTICOLARE CHE FA LA DIFFERENZA – STORIE DI ARTISTI ITALIANI

Ciao Lucia Cudia, noi di DvClub conosciamo molto bene la tua pagina…
Condividi su:
Titanic - Storia, leggende e superstizioni sul tragico primo e ultimo viaggio del gigante dei mari

TITANIC – Storia, leggende e superstizioni sul tragico primo e ultimo viaggio del gigante dei mari

Ciao Claudio, grazie infinite per aver accettato quest’intervista di DVclub! Abbiamo curiosato…
Condividi su: