Home / Attualità / Gli Aghori ed il cammino verso l’illuminazione

Gli Aghori ed il cammino verso l’illuminazione

Link Sponsorizzati


Gli Aghori , spesso conosciuto come Sadhu, sono i seguaci di una setta Hindu antica circa 1000 anni. Questi asceti sono spesso chiamati Sadhu che in sanscrito significa “uomo benedetto”. Il loro obiettivo nella vita è raggiungere il moksha che significa “liberazione”. Gli Aghori, a differenza degli altri Sadhu, seguono un cammino verso l’illuminazione molto meno convenziale e più radicale. Scopriamo di cosa si tratta.

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati



Anche se queste pratiche sono considerate contraddittorie dall’Induismo ortodosso, gli Aghori sembrano essere una categoria molto rispettata, ed in India sono considerati i Sadhus più temuti. Perchè temuti, dunque, se sono allo stesso tempo considerati in una categoria a parte, a cui dedicare particolare rispetto?

 Introduzione alle Credenze degli Aghori

La presente corrente degli Aghori sembra discendere dall’ultima setta fondata da Baba Keenaram, un ascetico del 17esimo secolo che dicono sia vissuto fino all’età di 170 anni. Dopo la sua morte, Baba Keenaram, è stato seppellito nella città benedetta di Varanasi.

Gli Aghori venerano Shiva, la Dea distruttrice, e Kali, la Dea della morte e di solito risiedono nei pressi dei più noti forni crematori di Varanasi. Ma allo stesso tempo risiedono anche in altre aree più remote, incluse le caverne dell’Himalaya, la fitta giungla del Bengala e gli aridi deserti del Gujarat.

Secondo le loro credenze, la liberazione deve essere perseguita adottando pratiche considerate taboo dagli Induisti ortodossi. Inoltre, credono anche che queste pratiche debbano essere eseguite correttamente e minuziosamente affinchè il cammino verso l’illuminazione spirituale venga accelerato e di conseguenza il raggiungimento dell’illuminazione facilitato. Ma non tutti sanno che il loro cammino al progresso spirituale è una pratica non adatta a tutti, soprattutto ai deboli di cuore. Leggiamo di seguito il perchè.

Una delle pratiche religiose più famose dgli Aghori è il cannibalismo. Ma è subito dovuto specificare che gli Aghori non uccidono deliberatamente le persone per la loro carne ma se ne cibano direttamente da corpi morti, corpi che vengono portati nelle vicinanze di quei forni crematori in cui spesso risiedono. La carne umana di questi corpi viene spesso mangiata cruda anche se ogni tanto viene arrostita.

Scioccante vista in questo modo? Ma qual’è il motivo di questo gesto?

Gli Aghori credono che fare distinzione tra carne umana e carne animale è un’illusione e che fare la differenza per via di questo taboo impedisce a molte persone di intraprendere il giusto cammino verso l’illuminazione e verso l’evoluzione spirituale.

di Manuela Camporaso

Credits: www.ancient-origins.net

Share the joy
  • 6
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

Manuela Camporaso