Downsizing di Alexander Payne

Si è aperta oggi 30 agosto la 74. Mostra del cinema di Venezia con ” Downsizing” di Alexander Payne (“Nebraska”).

Link Sponsorizzati



Un film ” sui generis” che mescola i generi, che fa ridere e allo stesso tempo rattristare, a tratti commuovere, a tratti sbalordire.

Uno scienziato norvegese inventa un sistema per ridurre il problema della sovrappopolazione: il “downsizing“, la miniaturizzazione degli esseri umani, dopo gli esperimenti positivi sui topi.

L’idea porta con sé molti vantaggi: la difesa ambientale, meno spreco di risorse, meno produzione di scorie ed entropia, ma – aspetto da non sottovalutare – anche un notevole risparmio economico.

Downsizing di Alexander Payne

E sarà questo ad attrarre il fisiatra Paul Safranek (Matt Damon) e la moglie Audrey, che faticano a comprare una casa nuova e sognano una vita più lussuosa, anche a patto di rimpicciolirsi fino a 12 cm.

Downsizing di Alexander Payne
Alexander Payne

Fin qui, l’ultimo lavoro di Payne gode di un’idea del tutto originale, ma nel secondo tempo si appesantisce di troppe tematiche, pur strappando alcune risate.

Soprattutto il personaggio del serbo Dusan, interpretato da un brillante Christoph Walz, regala lo spasso che sembra mancare nella nuova vita lillipuziana di Safranek.

Differenti umanità si scontrano anche nel mondo dei ” minuscoli”: Payne usa l’escamotage del cambio di misura e di rapporti spaziali, per creare una riflessione più ampia, – oltre all’importanza di salvare la natura-   sui rapporti sociali, sulla povertà, sulla libertà, sul saper dare valore ai sentimenti e agli incontri di ogni giorno.

Ogni attore al mondo vorrebbe lavorare con Alexander” ha dichiarato l’attore protagonista Matt Damon ” il motivo per cui ho accettato la parte è   la sceneggiatura davvero fantastica, originale, e unica. Parlando del mio ruolo, penso che il cinema sia il più grande strumento di empatia a nostra disposizione. Downsizing è un film ottimista, il più ottimista di Alexander (che dentro ha l’apocalisse!), e ci dice che siamo tutti sulla  stessa barca. È un messaggio di speranza sul futuro del mondo”.

Un messaggio buonista, anche se, a detta del protagonista, anche negli Usa la sensibilità ecologica sta cambiando. Il film, mix di idee fantastiche, dark comedy e stereotipi a stelle e strisce, uscirà nelle sale il prossimo 21 dicembre.

Di Luisa Galati

Condividi su:
You May Also Like
Gillo Dorfles: Essere nel tempo

Gillo Dorfles: Essere nel tempo

« L’arte non prescinde dal tempo per esprimere semplicemente lo spirito della…
Condividi su:
Vittorino Meneghetti Sulle traccie di Darwin

APPUNTI DI VIAGGIO SULLE TRACCE DI DARWIN IN SUD AMERICA

Prima di raccontare del mio ultimo viaggio sulle tracce di Darwin in…
Condividi su:

L’LHC del CERN è la macchina più grande e potente costruita dall’uomo

L’LHC del CERN è la macchina più grande e potente costruita dall’uomo.…
Condividi su:
AI PIOPPI – A TREVISO IL PRIMO LUNA PARK A ZERO ELETTRICITA’

AI PIOPPI – A TREVISO IL PRIMO LUNA PARK A ZERO ELETTRICITA’

Nelle vicinanze di Treviso, un primato sta attirando l’interesse della stampa internazionale.…
Condividi su: