IN CILE I MAPUCHE VINCONO CONTRO PROGETTO ENEL: VITTORIA DELLA NATURA

In Cile i Mapuche vincono contro il progetto Enel;  la multinazionale Enel Endesa ha dovuto ritirare il suo più grande progetto idroelettrico.

Link Sponsorizzati



Il comunicato diffuso dalla Comunità Mapuche, un’antica popolazione indigena risalente all’Impero Inca, riporta:“Abbiamo vinto una battaglia e vinceremo la guerra con la forza di tutti per vivere in armonia e benessere. Siamo una comunità che sta costruendo un progetto di società e di paese e non vogliamo imprese predatrici dei nostri beni e delle risorse di madre terra. Dopo tanti sacrifici siamo riusciti ad espellere Endesa Enel dal nostro territorio”.

IN CILE I MAPUCHE VINCONO CONTRO PROGETTO ENEL: VITTORIA DELLA NATURA

IN CILE I MAPUCHE VINCONO CONTRO PROGETTO ENEL: VITTORIA DELLA NATURAQuesto è quanto diramato dai Mapuche all’indomani del ritiro da parte di Enel Endesa del suo più grande progetto idroelettrico in Cile, il quale non ha superato la Valutazione di Impatto Ambientale.

La consultazione con le comunità locali è durata circa 700 giorni ed è stata definita dal segretario del parlamento Mapuche come: “fraudolenta e dittatoriale perché è stato il servizio di Valutazione Ambientale che ha imposto le modalità di gestione della consultazione senza averle concordate prima con la comunità”.

Il progetto della centrale idroelettrica è ad oggi il più grande di Enel in Cile, con un investimento previsto di svariati milioni di dollari, ma Enel dovrà cambiere il progetto proponendo una soluzione più sostenibile e garantendo un minimo impatto sull’ambiente circostante.

Il Cile, come altri pochi luoghi del mondo, è un territorio ricco di risorse e storia antica. Far vincere una multinazionale per coprirne il passato ed inquinarne il presente rappresenterebbe un’altra grande sconfitta per l’ambiente e l’umanità.

IN CILE I MAPUCHE VINCONO CONTRO PROGETTO ENEL: VITTORIA DELLA NATURACi sono tanti luoghi da sfruttare sul pianeta terra per progetti come questi, lasciamo i luoghi sacri e puri alle loro comunità originarie, che li hanno difesi ed amati per millenni, donando in questo modo alla terra i veri e preziosi benefici che qualsiasi multinazionale, per quanto intenzionata a diffondere progetti “eco-friendly”, non riuscirà mai a donare.

di Manuela Camporaso

Fonte: www.eldesconcierto.cl

Condividi su:
You May Also Like
Eddie Redmayne in un'intensa scena di "The Danish girl" C. Universal

THE DANISH GIRL: una storia di vero amore

Sembra incredibile che quel ragazzo 32enne seduto col suo maglioncino da collegiale…
Condividi su:
Donne Coraggiose

Le “Donne Coraggiose”, musica e solidarietà

Donne Coraggiose è un omaggio all’universo femminile disponibile gratuitamente  su tutte le…
Condividi su:

VISLAB: I primi autoveicoli senza guidatore

Link Sponsorizzati La prima spedizione intercontinentale della storia composta da veicoli senza…
Condividi su:
Shining: l'Overlook Hotel diventa un museo dell'horror

“Shining”, l’Overlook Hotel diventa un museo dell’horror

Ricordate gli occhi di Jack Nicholson quando comincia ad impazzire durante la tempesta di…
Condividi su: