Home / Arte / Architettura e Design / Architettura / CITY OF MERIENS – L’università galleggiante 100% autosufficiente

CITY OF MERIENS – L’università galleggiante 100% autosufficiente

Link Sponsorizzati


City of Mèriens è la città galleggiante sostenibile e autosufficiente, sognata e progettata dall’architetto Jacques Rougerie.
Questo progetto vuole essere un grande punto di aggregazione per dare agli scienziati un posto per vivere e condurre le loro ricerche “dentro” l’oceano. Le misure della futuristica nave a forma di manta includerebbero una lunghezza di 900 metri e larghezza di 500. Il sogno dell’architetto francese Jacques Rougerie, che lui chiama the City of Mériens, potrebbe diventare realtà. La nave ospiterebbe 7,000 scienziati e studenti da tutto il mondo, offrendo i laboratori di ricerca più attrezzati, lezioni, stanze per conferenze, veri e propri quartieri forniti di giardini e aree comunali e aree dedicate ad attività sportive e ricreazionali, per facilitare la ricerca di progetti a medio-lungo termine.

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati



“Considerando la dimensione della comunità scientifica internazionale, 7000 persone potrebbero essere facilmente distribuite in tutta la struttura. Ho progettato la City of Mériens a forma di manta proprio perchè era la soluzione migliore per ottimizzare la relazione tra spazio e funzionalità della struttura” – ha riferito Jacques Rougerie www.weather.com/photos/news/floating-city-of-meriens-jacques-rougerie

CITY OF MERIENS

La manta è stata selezionata per la sua abilità a resistere alle turbolenze e alle peggiori condizioni climatiche. Mentre la struttura visibile è di soli 60 metri sopra la superficie, quella immerse continua per 120 metri sotto l’oceano ed è proprio questo elemento che aiuta la nave a mantenere un equilibrio ottimale. La forma inoltre permette anche di poter ricreare una laguna artificiale al centro della costruzione, la cui acqua proverrà dall’oceano stesso, proprio come la SeaOrbiters, un altro progetto proposto da Rougerie http://blogs.discovermagazine.com/crux/2014/10/29/floating-laboratory-seaorbiter-spaceship-sea/

CITY OF MERIENS

La nave può essere parcheggiata su entrambi i lati e proprio ai lati della stessa vi saranno costruiti dei canali artificiali per dare la possibilità agli scienziati di studiare diversi ibridi di specie marine. Le ali della nave saranno adibite per favorire la coltura idroponica di frutta e vegetali che gli ospiti utilizzeranno per cibarsi.

“Le persone arriveranno da tutto il mondo in quanto la struttura è dedicata a tutti i ricercatori e studenti che si augurano di approfondire i loro studi sull’oceano. Sarà qualcosa che rivoluzionerà il mondo degli studi acquatici proprio per il fatto che le persone, vivendo praticamente sott’acqua, avranno la possibilità di essere a stretto contatto con l’ambiente oceanico, giorno e notte. Inoltre l’intero progetto sarà sostenibile ed autonomo al 100%, utilizzerà energia marina rinnovabile e produrrà zero scarti.”

CITY OF MERIENS

Per il momento, la Città di Mériens è puramente concettuale ma Rougerie vuole avviare la costruzione al più presto così i ricercatori potranno trasferirsi all’interno nel 2050. Questo potrebbe forse sembrare un piano alquanto ambizioso ma visto che l’architetto ha già avviato la costruzione del laboratorio galleggiante Sea Orbiter www.youtube.com/watch?v=EJXdjQoXazA potrebbe pensare bene di investire parte del denaro per avviare la costruzione di Mériens.

Credits: www.sciencealert.com

Ulteriori immagini del progetto: www.youtube.com/watch?v=cVDcswq8t_w

Di Manuela Camporaso

Share the joy
  • 52
  •  
  •  
  •  
  •  
    52
    Shares

Manuela Camporaso