Home / Attualità / ANIMA E CORPO: Un dualismo irrisolto all’origine delle malattie?

ANIMA E CORPO: Un dualismo irrisolto all’origine delle malattie?

Link Sponsorizzati



[1] Dal romanzo Nadja.

Link Sponsorizzati



[2] Thorvald Dethlefsen, Il destino come scelta, 5. “Malattia e guarigione”, “Malattia e morte come segni del destino”.

[3] Marco 5, 25-34

[4] «La guarigione fisica diviene così controprova della guarigione morale» (E. Schuré, I grandi iniziati, Gesù, IV, Laterza, pag. 430).

[5] Si intendono, genericamente, squilibri nella distribuzione delle caratteristiche del corpo causale e del corpo astrale o psichico.

[6] I demoni non sono solo rappresentazioni simboliche di qualità indesiderabili; essi sono anche entità definite e a sé stanti. La questione sarà approfondita nel secondo e nel terzo volume quando l’Autore tratterà della differenza fra la concezione soggettiva della realtà e la concezione oggettiva della realtà e del fatto che sostanzialmente sono ambedue in un certo qual modo legittime.

[7] Matteo, 10,1.

[8] Marco 16,17.

[9] Introduzione alla magia a cura del Gruppo di Ur, Edizioni Mediterranee Roma, Volume terzo, VII, “Sui patti”, pag. 215, 216.

[10] Anche questo punto verrà chiarito e approfondito in seguito (Libro terzo) allorché si parlerà dell’uomo come di un punto di vista di Dio su Se stesso.

[11] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 56.

[12] Il corpo eterico è il nostro «secondo corpo fisico», il corpo sottile che vitalizza il corpo fisico e che ne costituisce la matrice, vivificando la materia densa e grossolana, fungendo nel contempo da «tessuto connettivo» fra la psiche e l’organismo fisico denso. Esso è composto di materia sottile, di Sostanza universale caratterizzata da un grado di densità intermedio tra il fisico e l’astrale.

[13] Secondo la Bailey, i mali di origine mentale che affliggono la carne sono pochissimi, «per due ragioni: 1. Perché sono pochissimi, relativamente parlando, gli uomini polarizzati nella mente e dunque capaci di pensare. 2. Perché la maggior parte delle malattie sono di origine eterica o astrale.» (IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 90).

[14] Alice Bailey, Lettere sulla meditazione occulta, Lettera VI, “L’uso della forma in meditazione”, “Forme usate nell’arte di guarire”.

[15] Cioè emotive.

[16] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 65.

[17] Dunque gli elementi che entravano in gioco erano il desiderio sessuale (e perciò le pulsioni corporee) e la gelosia (componente psichica). In entrambi i casi, si tratta di ego.

[18] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 34. Teniamo a mente che nell’essere umano, il corpo eterico è il corpo intermedio tra l’astrale e il fisico.

[19] Con l’espressione «corpo astrale», la Bailey intende la componente emotiva della psiche e quella attinente il desiderio.

[20] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 38.

[21] Ibidem.

[22] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 92.

[23] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 110.

[24] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 5.

[25] A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupāda, La scienza della realizzazione spirituale, The Bhaktivedanta Book Trust, 2005, “La reincarnazione”, pag. 36.

[26] Parte seconda, 14.

[27] Thorwald Dethlefsen e Rüdiger Dahlke, Malattia e Destino, 1. “Malattia e sintomi”.

[28] Ibidem.

[29] Ibidem.

[30] Ibidem.

[31] Ibidem.

[32] Ibidem.

[33] Ibidem.

[34] Malattia e Destino, 1. “Malattia e sintomi”.

[35] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 57.

[36] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 54.

[37] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 13.

[38] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 32.

[39] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 90

[40] Alice A. Bailey, IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 13.

[41] Malattia e Destino, 7. “Il metodo della domanda”, “Aspetti comuni dei sintomi antipolari”.

[42] Cioè relative al primo livello incorporeo (psichico) o al secondo livello incorporeo (aformale e puramente concettuale). Naturalmente, se talvolta possiamo intervenire sul piano psichico, il piano archetipo è invece del tutto inaccessibile alla nostra personalità (alla coscienza di veglia), in quanto possiamo accedere a tale piano solo se ci sganciamo da quest’ultima, per esempio per mezzo della meditazione. Il secondo di questi livelli, nonché il più profondo, e cioè il livello archetipo o funzionale, è altresì il livello delle cause karmiche (delle malattie come di tutto ciò che ci accade), giacché il karma ha origine proprio sul questo piano. Le cause che qui chiamiamo «cause animiche» o «funzionali» sono dunque in sostanza le cause karmiche, le «linee guida» del destino dell’individuo.

[43] Come abbiamo detto, in questi casi, «spirituali» vale come «inerenti il corpo causale», cioè l’anima nel suo veicolo (l’archetipo).

[44] Per «spirito» si intende l’interiorità.

[45] «Chi ha capito che in ogni processo fisico e in ogni sintomo si esprime un fatto psichico, sa anche che soltanto i processi legati alla coscienza possono risolvere i problemi divenuti visibili nel corpo.» (Malattia e Destino, Parte seconda, 15. “Che cosa si può fare?”. Edizioni Mediterranee pag. 277.)

[46] Martha Medeiros, A morte devagar.

[47] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 102.

[48] Cfr. post precedente: “Tutto quello che avreste dovuto sapere sul sesso (e che nessuno vi ha mai detto)”.

[49] IV Trattato dei Sette RaggiLa guarigione esoterica, 94.

[50] E cioè quegli individui che involvono, invece di evolvere.

[51] In questo come in molti altri casi «anima» ha il significato generico di interiorità.

[52] La questione sarà trattata ampiamente in seguito. Per il momento basti dire che a un certo livello la volontà del nostro Sé superiore coincide con l’insegnamento che gli asiatici chiamano «Dharma» e che gli ebrei chiamano «Legge».

[53] Vi sono molti «errori» che prima o poi dovremo correggere, se vogliamo adottare un comportamento conforme al «Dharma» o «Legge divina» e migliorare le nostre condizioni di salute. Alcuni di questi errori sono: alimentazione insalubre e nociva, uccisione di creature viventi con conseguente accumulo di cattivo karma (e ciò si riferisce tanto ai conflitti bellici quanto alla macellazione di animali per uso alimentare), comportamento egoistico, condotta sessuale scorretta.

[54] Molti dei proverbi africani ricordati dal Professor Fassang sono raccolti nel libro I proverbi dell’Africa Nera, Giovane Africa Edizioni, 2° edizione.

[55] Thomas Carlyle, Gli eroi e il culto degli eroi e l’eroico nella storia, Conferenza terza, “L’eroe come poeta”.

[56] Vasco Rossi, C’è chi dice no. Gran canzone.

Share the joy
  • 29
  •  
  •  
  •  
    29
    Shares

Massimo Dallaglio

- Giornalista Ordine Nazionale Giornalisti Roma N° 111329 - Laurea in Sociologia Università di Bologna