Home / Arte / Architettura e Design / AIRPOD: L’auto ad aria compressa

AIRPOD: L’auto ad aria compressa

Link Sponsorizzati


AirPod, l’auto ad aria compressa percorre 100km con un pieno al costo di circa 1 euro!
Nel serbatoio della macchina c’è solo aria compressa. Cyril Guy Nègre, ingegnere e designer francese con un passato da progettista di vetture di Formula1

Link Sponsorizzati


, già dieci anni fa fece parlare molto, presentando al Motorshow di Bologna del 2001 una vettura alimentata ad aria compressa che sollevò un vero e proprio vespaio tra pubblico e addetti ai lavori. Da allora le cose si sono mosse poco fino a quando l’indiana Tata si è impegnata davvero tanto per produrla, ed alla fine ci è riuscita.

Link Sponsorizzati



Si chiamerà AirPod, sarà commercializzata dalla Motor Development International (MDI), http://www.mdi.lu e si tratta della prima automobile ad aria compressa ad entrare sul mercato. L’aeroporto di Amsterdam sembra le adotterà già nel 2013.

Molto piccolo (lungo appena due metri e sette centimetri, largo uno e alto 1 e 74) e leggero (appena 220 kg), Airpod porta fino a tre passeggeri: guidatore (che usa una sorta di joystick per guidare Airpod) e due passeggeri, seduti contromarcia, più eventuale posto per bambino.
Questa piccola vettura ad aria compressa è dotata di un motore bicilindrico alimentato da aria compressa a 350 bar.

L’autonomia – secondo Nègre – è di 220 km e nella versione base raggiunge i 45 km/h.
Una seconda versione dovrebbe raggiungere i 70 km/h.

Innovativa non solo nella tecnologia, ma anche nella strategia di mercato:
Non esisteranno concessionarie, ma solo fabbriche che si occuperanno della produzione all’80% e della vendita, come spiega Negre: “Nessuna concessionaria, ma officine: produciamo là dove vendiamo. Con vantaggi infiniti, economici, sociali. Pensi solo al fatto che un costruttore normale deve farsi carico di una logistica enorme perché produce in un solo posto e poi è costretto a spedire in tutto il mondo. Noi no. Da noi chi produce vende. Non paghiamo commissione al concessionario perché è la stessa fabbrica che vende la macchina, e questo abbassa enormemente i costi”.

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Massimo Dallaglio

- Giornalista Ordine Nazionale Giornalisti Roma N° 111329 - Laurea in Sociologia Università di Bologna