Home / Attualità / FeatApp, l’applicazione che premia chi fa sport

FeatApp, l’applicazione che premia chi fa sport

Link Sponsorizzati


Premiare chi fa sport e pratica uno stile di vita sano con sconti su cibo di qualità. Questa la filosofia che sta dietro a FeatApp. L’applicazione, disponibile gratuitamente in App Store e lanciata da poche settimane nella città di Bologna, è stata ideata da Chiara Cecchini, 25 anni, partecipante al Master Food innovation program dell’Università di Modena e Reggio Emilia, per soddisfare un pubblico di consumatori ormai sempre più attento al benessere fisico e un’alimentazione corretta.
La app utilizza lo stesso smartphone, nonché wearable devices, per tracciare l’attività motoria dell’utente. Ogni cinquecento passi registrati, l’applicazione attribuisce un gettone virtuale; i gettoni restano in salvadanaio per 7 giorni e permettono di accedere a sconti su prodotti offerti da punti vendita selezionati.

Link Sponsorizzati


Link Sponsorizzati



 FeatApp Chiara Cecchini Tutto è nato da due eventi personali: un infortunio, che ha portato Chiara a rivedere il modo in cui fare movimento, e la partenza da casa, che ha l’ha portata a capire che non era così semplice trovare cibo sano e di qualità.

Concepita a fine 2014, FeatApp viene selezionata dal Barilla Center for Food and Nutrition tra le 10 startup a livello internazionale capaci di creare un impatto positivo attraverso un incentivo ad uno stile di vita sano.

Coinvolta all’interno dell’incubatore aziendale di MGIMO University a Mosca, ha trovato poi a Bologna il supporto di YouCanGroup.it – ecosistema imprenditoriale e incubatore di nuove idee e progetti fondato da Sara Roversi e Andrea Magelli.

FeatAppAll’interno del Food Innovation Program, primo master internazionale in food innovation promosso da Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Institute For The Future di Palo Alto e Future Food Institute di Bologna, ha avuto modo di prototipare, sperimentale e testare la sua soluzione, sempre circondata da un ambiente motivante e ricco di ispirazione.

Un’occasione unica per sviluppare e implementare l’idea di FeatApp che già ha riscontrato numerosi riconoscimenti, tra cui la nomina ad ambasciatore di innovazione sociale per Social Innovation Citizen (SIC) creato per volontà dell’Agenzia Nazionale per i Giovani in collaborazione con l’Associazione ItaliaCamp.

Di Massimo Dallaglio

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Massimo Dallaglio

- Giornalista Ordine Nazionale Giornalisti Roma N° 111329 - Laurea in Sociologia Università di Bologna