Home / Scienza e tecnologia / Aeronautica / CON I NUOVI DRONI INTELLIGENTI SKYNET E’ SEMPRE PIU’ VICINA ?

CON I NUOVI DRONI INTELLIGENTI SKYNET E’ SEMPRE PIU’ VICINA ?

Con il nuovo drone Mavic PRO è possibile scattare selfie semplicemente guardandolo ed eseguendo una “gesture” con le mani (scatto fotografico). Il Mavic ci guarda, ci riconosce e interpreta l'ambiente circostante, evita gli ostacoli e analizza migliaia di dati al secondo provenienti dai vari sensori presenti “a bordo”.



CON I NUOVI DRONI INTELLIGENTI SKYNET E’ SEMPRE PIU’ VICINA ?

Skynet, l’immaginaria rete di supercomputer descritta nel ciclo cinematografico di Terminator sembra essere sempre più vicina alla relatà: algoritmi di computer vision e AI (Artificial Intelligence) sono infatti sempre più presenti nei nuovissimi droni di ultima generazione, sempre più piccoli e sempre più intelligenti… come per esempio l’ultimo nato di casa DJI, il Mavic PRO.

Link Sponsorizzati


Il Mavic PRO, il drone ripiegabile, pesa quasi la metà del suo predecessore Phantom 4, in appena 680 grammi la DJI ha concentrano le tecnologie più all’avanguardia della “specie”: riconoscimento degli ostacoli sempre più preciso e pervasivo, algoritmi di riconoscimento delle “sagome” in movimento, sensoristica all’avanguardia con centraline ridondate, video e data link innovativo “ocusync” per un controllo del modello fino a 7km di distanza, tecniche di “ritorno a casa” molto più precise con il “landing positioning system”, modalità “sport” fino a 64 km/h.



MAVIC PRO DRONE

Queste, insieme a diverse altre, le caratteristiche più innovative del nuovo modello: sempre più piccolo, più leggero ancora più vicino a quelle che sono gli orientamenti normativi degli Enti di Aviazione Civile (in Italia ENAC). Riduzione di peso e dimensioni per DJI non significa rinunciare alle tecnologie dei “fratelli maggiori”, anzi, il reparto R&D ha concentrato e implementato nel Mavic le sperimentazioni fatte negli ultimi mesi su modelli molto più costosi (vedi Matrice 100).

MAVIC PRO DRONE

Col Mavic è possibile scattare una foto selfie semplicemente guardandolo ed eseguendo una “gesture” con le mani (scatto fotografico). Il Mavic ci guarda, interpreta l’ambiente circostante, evita gli ostacoli e analizza migliaia di dati al secondo provenienti dai vari sensori presenti “a bordo”.

ICT CUBE, Rivenditore Autorizzato DJI, ha studiato e realizzato insieme al suo partner Achrom, il Drone PAD Mavic Edition:

drone-pad-mavic

Drone PAD Mavic Edition

Il drone pad è usato molto in ambito professionale e serve essenzialmente a garantire al modello un decollo e atterraggio privo di rischi. Il Mavic, non avendo le “gambe” posteriori, sul terreno o sull’erba potrebbe oscillare rischiando di rovinare le eliche, appoggiandosi in modo asimmetrico sul suolo.

Questo accessorio diventa quasi obbligatorio. E’ stato progettato soprattutto per la funzionalità “landing positioning system”: il disegno esclusivo garantisce al Mavic la migliore “comprensione” del punto di decollo in modo da potersi orientare visivamente durante la procedura di atterraggio automatico in seguito alla funzionalità di “ritorno a casa”.

Il PAD sviluppa una dimensione di 50x50cm (montata), ma ricalcando la filosofia “foldable” del Mavic si “smonta” fino ad occupare una dimensione di trasporto pari a 25 x 25 cm.

E’ realizzato con materiale composito: 2 strati di alluminio all’esterno e uno di polietilene all’interno.
Grafica: Stampa digitale diretta resistente agli UV e vernice anti-graffio.

In occasione del lancio commerciale del nuovo Mavic, ICT CUBE lo include gratuitamente fino al 30/11/2016

Di Antonio Zenzola

antonio-zenzola-1Antonio Zenzola

ICT Solution Architect, Lead Auditor ISO/27001, Operatore SAPR, con oltre 25 anni di esperienza nel settore della consulenza informatica, collabora con diverse multinazionali nell’ambito di progetti IT basati su architetture Open Source.

Costruisce la sua carriera professionale in Oracle, svolgendo progetti sfidanti in multinazionali Telco, Farmaceutiche e Pubblica Amministrazione Centrale.

antonio-zenzola-2Vincitore dell’Innovation Award EMEA di Oracle, edizione 2006, prosegue il suo percorso professionale fino a fondare nel 2010 la ICT CUBE srl. Impersonando il motto “Stay hungry, stay foolish” di Steve Jobs, trasforma la passione nel mondo dei droni in un’attività imprenditoriale e consulenziale.

Scrive articoli tecnici per diverse testate online e cartacee: la sfida è appena incominciata.

Contatti: Linkedin

ICT CUBE

Azienda nata nel settore dell’Information and Communication Technology, si espande nel 2015 allo sfidante mondo dei Droni o APR (Aeromodelli a Pilotaggio Remoto). Approccio innovativo, trasparenza e feedback continui sulla “customer satisfaction”. I punti di forza:  pre e post vendita, gestione delle garanzie, training, workshop e formazione compresi in tutti i droni venduti nel portale shop.ictcube.it. L’offerta commerciale si arricchisce con il Tasso 0, le permute e l’usato sicuro. Dopo il successo di Dronitaly 2016 la sfida continua con I nuovi modelli Yuneec Breeze e DJI Mavic.

http://shop.ictcube.it

Salva

Salva

Salva

Salva

Comments

comments

Link Sponsorizzati


Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Massimo Dallaglio

- Giornalista Ordine Nazionale Giornalisti Roma N° 111329 - Laurea in Sociologia Università di Bologna